1. Home
  2. Stralcinsider
  3. Come nasce un investitore nel saldo a stralcio

Come nasce un investitore nel saldo a stralcio

Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ciao,
sono Carlo Silli di Stralciando.

Sono un investitore immobiliare e in questo articolo voglio parlarti della mia storia.

Se ti interessa investire con gli immobili sei nel post giusto, perché ho cominciato esattamente come te.

Parecchi anni fa avevo un mobilificio, questa attività purtroppo non ha fruttato quanto speravo. Sono stato costretto a chiudere. Avevo un debito enorme, quasi 120 mila euro…

Per risollevarmi ho deciso di lavorare in un call-center e poi come venditore di mobili lavorando a provvigioni.

Nel mio lavoro sono sempre stato bravo… mi rapportavo bene con i clienti e presto ho cominciato a ottenere risultati e a guadagnare qualche soldo dopo aver tirato la cinghia per tanto tempo.

La prima cosa che ho fatto con i soldi che avevo guadagnato è stata investirli in formazione.

Premetto che non ho mai voluto accontentarmi e il lavoro di venditore a provvigioni ha presto cominciato a starmi stretto… perciò ho cominciato a frequentare un corso che mi insegnava a investire in immobili.

Il percorso di formazione

L’argomento mi affascinava e dopo il corso sono tornato a casa camminando a due metri da terra!

Ho scoperto un mondo interessantissimo, dove c’erano tanti soldi da guadagnare e che non conoscevo assolutamente prima di fare questo percorso di formazione. Ho imparato che si potevano fare aste, stralci, cessioni di preliminare, cambi di destinazione d’uso…

Inutile dirti che mi è balzata agli occhi l’opportunità di diventare ricco, dopo tanto tempo e tanta fatica.

Sono tornato a casa entusiasta e ho subito detto a mia moglie Barbara che sarebbe stato il mio lavoro nell’immediato futuro!

Immagina la sua reazione nel sentirmi dire che volevo mollare il lavoro di venditore per fare questo. Nonostante tutta la fiducia che lei ripone in me, mi ha riportato con i piedi per terra.

Mia moglie mi ha appoggiato, ma mi ha consigliato di mantenere entrambi i lavori, almeno per un primo periodo… e così ho fatto.

Non è andata bene, perché non essendo focalizzato e concentrato su nessuna delle due attività al 100% i miei profitti cominciarono a risentirne. Mi ritrovavo a lavorare 4/5 giorni a settimana nel mobilificio in cui vendevo i mobili, ma ad avere uno stipendio da fame.

Avevo bisogno di una svolta.

Il coraggio di cambiare

Dopo un mese e mezzo a cercare di portare avanti due lavori senza far fruttare nessuno dei due, d’accordo con mia moglie, mi sono licenziato e lanciato nell’avventura del mercato immobiliare.

Ho scelto con la consapevolezza di non avere capitali da parte sufficienti per garantirmi la sopravvivenza, perché al corso mi avevano “illuso” di avere tra le mani un lavoro veloce, di facile guadagno e dai risultati immediati.

Non è stato così, ma non mi sono arreso.

Avevo deciso di farlo tutti i giorni e tutti i giorni uscivo, cercavo case, studiavo…

Lentamente ho cominciato a fare le prime operazioni immobiliari, soprattutto grazie ad amici che hanno avuto fiducia e hanno finanziato i primi investimenti. Operazioni da una decina di migliaia di euro, molto piccole, ma che mi hanno permesso di avviare la mia attività.

Voglio confidarti una cosa: se c’è un’operazione interessante che può avere buoni rendimenti, le persone interessate a investire si trovano. Noi lo facciamo!

Cosa aiuta in questo?

Avere credibilità come persona.

Certo, avere una storia alle spalle è un forte incentivo per chi deve investire, ma nel mio caso sono sempre stata una persona corretta, che si è impegnata ad onorare la parola data. Ed è stato questo il mio punto di forza.

Ho cominciato a fare l’investitore immobiliare e gli investitori hanno creduto in me. Nonostante io fossi alle prime armi, hanno finanziato le mie operazioni, ovviamente con cautele e garanzie.

Dopo qualche tempo che lavoravo, Barbara sempre al mio fianco, ha avuto l’idea di raccontare quello che facevamo ogni giorno.
Abbiamo cominciato a farlo prima su Facebook e poi su un blog.

Raccontavo quello che stavo facendo, il mio lavoro e il rapporto che avevo con le persone…

Se fai operazioni immobiliari hai sempre qualcosa da raccontare

Perché quando lavori a contatto con altre persone capitano sempre cose che vale la pena raccontare.

  • Ogni giorno avevo qualcosa da raccontare. Dal vicino di casa gentile che ci accoglieva per mostrarci la sua casa, a quello meno simpatico che lanciava un vaso dal balcone…
  • Ogni giorno accadeva qualcosa di divertente da raccontare!

Lo facevo senza un motivo preciso, mi piaceva che questi racconti non andassero persi. In realtà è successa una cosa diversa…

Le persone hanno cominciato a seguire il blog, a commentare, a condividere le loro esperienze, a fare domande. Mi chiedevano “tu che sei esperto come risolveresti questa cosa qui?”

Domanda dopo domanda, risposta dopo risposta, mi sono accorto che sebbene non pensavo di essere “esperto” del settore, riuscivo a dare tutte le risposte, a trovare le giuste soluzioni.

Un anno e mezzo di duro lavoro stava dando i suoi frutti..

Avevo creato un bagaglio di esperienze ampio abbastanza per essere utile a me e agli altri.

Dopo poco tempo la gente ha cominciato a chiedermi di poter investire e partecipare alle operazioni. Qualcun altro ha chiesto che io gli insegnassi a fare stralci, proponendomi poi di dividere gli utili.

Mi sembrava ragionevole come richiesta e come accordo. Il lavoro c’era, la zona era abbastanza ampia e iniziare era davvero difficile senza competenze, storico e autorevolezza.

Avere persone che lavorassero come in altre zone mi sembrò una mossa furba… ma.

Abbiamo formato le persone, per due/tre mesi che lavoravano al nostro fianco e poi sparivano perché si rendevano conto che non era un lavoro così facile.

Alcuni di loro, a distanza di anni, li vedo ancora a cercare la gallina dalle uova d’oro, il business della vita che gli permetta di diventare ricchi facendo poco…

Questo non esiste. Nel mio mondo bisogna tirarsi su le maniche e lavorare

Alcuni lo hanno fatto, ma non a sufficienza per ottenere i risultati che volevano.

Mi sono reso conto che qualcosa non andava. Stavamo perdendo tempo. Seguivamo persone che non arrivavano a risultati perché non si davano il giusto tempo per imparare ad applicare e arrivare ai risultati.

In mezzo a tutto questo trambusto è arrivato William. Da subito ha dato un’altra spinta all’attività con l’apporto di molte idee interessanti e innovative da applicare.

Testa bassa e pedalare, come dovrebbe fare chiunque vuole ottenere dei risultati in questo settore. Instancabile come pochi ne ho visti prima.

In tanti sono arrivati a me e Barbara parlando e raccontando di voler fare grandi cose, ma in tutti questi anni, solo uno lo ha dimostrato. William, e guarda caso lo abbiamo voluto con noi in società.

La nascita di Stralcinsider

Io, Barbara e William abbiamo quindi creato un percorso a pagamento.

Dopo vari tentativi avevamo creato un sistema in grado di funzionare e portare a dei risultati, ma che ci garantiva di non perdere tempo e soldi qualora qualcuno non si applicava.

Abbiamo strutturato il percorso sempre meglio, facendolo diventare più lungo, dotandolo di più materiale e facendo crescere la mia autorità sul progetto.

È così è nato Stralcinsider.

È un percorso che abbiamo deciso di chiudere dopo qualche anno perché non mi è mai interessato vendere formazione, ma volevo lavorare con le persone giuste, per fare operazioni fruttuose.

Durante i Tour in giro per l’Italia abbiamo trovato 7/8 collaboratori in grado di lavorare bene, e con cui stiamo costruendo un percorso strutturato per la gestione delle operazioni.

Nonostante Stralcinsider sia stato chiuso la gente continua a pregarci di poter imparare a fare stralci perché vede i risultati che portiamo a casa, perché riesce a capire che le operazioni le facciamo davvero, che lavoriamo.

Anche tu sei tra questi? Allora ecco per te una novità.

Ho deciso, con Barbara e William, di costruire un percorso diverso rispetto al precedente, ma in grado di mettere a disposizione tutte le informazioni che abbiamo raccolto in dieci anni di attività in modo più semplice ed efficace.

È un percorso pratico che porta a risultati abbastanza facilmente, se ti impegnerai.

Il progetto si chiama Stralciando School, partirà a brevissimo!

Clicca qui se sei interessato puoi iscriverti

Ti ringrazio per aver seguito la mia storia, ti saluto e ti auguro di trovare la tua strada, come io ho trovato la mia!

Carlo Silli

Articoli che possono interessarti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Stralciando School

Clicca qui e Iscriviti alla Stralciando School

Menu